Entomofagia: necessità o stravaganza? Conseguenze e ragioni dell’introduzione degli insetti nell’alimentazione umana

Entomofagia: necessità o stravaganza? Conseguenze e ragioni dell’introduzione degli insetti nell’alimentazione umana

C’è chi sostiene che in Italia i vegetariani e i vegani siano già consumatori involontari di insetti, in misura di circa 500 grammi all’anno. Si sa per certo infatti che tra le varie specie che contaminino gli alimenti nelle diverse fasi produttive, durante il trasporto e nei depositi di farine, legumi e altre derrate alimentari, non vi siano soltanto le tarme, come la Tignola fasciata o la Tignola grigia della farina, ma anche il Ptinide, il Tonchio del fagiolo, il Tonchio del caffé, l’Anobio del pane, il Pidocchio dei libri, lo Gnatocero cornuto, il Tribolio confuso della farina, il Necrobia rufibes, il Criptoleste, il Tarlo dell’avena, il Punteruolo del grano, il Punteruolo del mais, il Punteruolo del riso, il Cappuccino dei cereali, l’Attageno, il Trogoderma dei cereali, il Dermeste del lardo, il Dermeste maculato, il Trogoderma variabile (introdotto in Italia da poco tempo), il Tenebrione, il Silvano, il Silvano dei mercati, gli Stafilinidi, lo Gibbium Psylloides, il Coleottero australiano, lo Scarabeo ragno dorato, il Mozzaspighe del grano, il Tenebrone mugnaio, l’Acaro del prosciutto crudo, l’Acaro delle farine, l’Acaro domestico, il Tribolio delle farine e altri, tra cui larve, pupe e  uova difficilmente individuabili. Senza contare la presenza di piccoli mammiferi e altri animali che tentano di nutrirsi frequentando i luoghi in cui i prodotti che consumiamo per l’alimentazione umana vengono conservati. Molti di questi insetti sono in grado di contaminare gli alimenti e causare irritazione cutanea o intestinale e di compromettere la commestibilità delle derrate. Naturalmente, si cerca di impedire che questi insetti si introducano nei nostri depositi e facciano razzie, ma non sempre si riescono ad ottenere risultati soddisfacenti. Per combattere questi infestanti si ricorre all’utilizzo di lampade UV, alla lotta chimica, a trappole meccaniche e al monitoraggio dell’ambiente da proteggere. Il consumo di insetti da parte dell’uomo risale alla preistoria, ma oggi, in particolare nei paesi occidentali, gli alimenti culturalmente accettabili risultano essere il miele e la pappa reale; infatti le api sono considerate alla stregua di insetti amici e indispensabili a tutte le forme di vita. Eppure in passato, nei libri sacri delle tre religioni monoteistiche era scritto quali insetti […]

L’Etiopia vieta l’importazione di auto non elettriche e costruisce nuove fabbriche per auto a benzina

Addis Abeba. Lo scorso 27 gennaio 2024, il Ministero dei Trasporti e della Logistica etiope ha annunciato che non consentirà l’ingresso nel paese ai veicoli, a meno che non siano mossi da propulsione elettrica. Il ministero ha dato l’annuncio mentre presentava un rapporto semestrale al Comitato permanente per lo sviluppo urbano e i trasporti della Camera dei rappresentanti del popolo (Parlamento etiope). Alemu Sime, ministro dei trasporti e della logistica, ha annunciato il completamento del piano generale della logistica dell’Etiopia che prevede l’implementazione del “trasporto verde” nella nazione dell’Africa orientale. “È stato deciso che le automobili non possono entrare in Etiopia a meno che non siano elettriche”, ha affermato Sime. Tuttavia, l’accessibilità economica delle auto elettriche per una parte significativa della popolazione etiope rappresenta una potenziale sfida, senza dimenticare che la percentuale della popolazione in grado di permettersi un’auto rimane trascurabile. Ha inoltre spiegato che sono in corso sforzi per creare stazioni di ricarica per le auto elettriche. Secondo il ministro, uno dei motivi alla base di questa decisione è l’incapacità dell’Etiopia di permettersi l’importazione di benzina a causa delle limitate risorse in valuta estera. Non è chiaro quando la politica entrerà in vigore e non chiarisce se i veicoli in transito dall’estero saranno soggetti alla nuova politica. È stato riferito che il governo etiope ha introdotto l’accisa sull’imposta sul valore aggiunto (IVA) e le esenzioni dalle tasse Sur per le auto elettriche nel 2022. Il Ministero ha sottolineato la necessità di coordinamento e collaborazione con le parti interessate per condurre ispezioni approfondite per risolvere i problemi nel settore dei trasporti, anche perché l’Etiopia è il paese che ha uno dei tassi di proprietà di automobili più bassi al mondo. A questa notizia potremmo collegare quanto era stato deciso nel 2023,  che potrebbe essere una buona soluzione per permettere ai cittadini etiopi ed africani di avvicinarsi al mercato automobilistico. La russa Lada è diventata l’ultima di una lista crescente di case automobilistiche internazionali che si preparano ad entrare nel nascente mercato automobilistico dell’Etiopia, Secondo l’ambasciatore etiope in Russia, il nuovo stabilimento dovrebbe produrre 5.000 veicoli all’anno, in collaborazione con il partner locale Bazra […]

Attraversamenti urbani a Milano per la Giornata della Memoria

A Milano, sabato 27 gennaio per la Giornata della Memoria 2024, l’associazione Tracce metterà di nuovo in “strada” un appuntamento narrativo condotto da Rosario Tedesco, che partendo dalle “pietre d’inciampo” dell’artista tedesco Gunter Demnig, rievoca la memoria e le voci delle vittime e dei carnefici dei rastrellamenti nazi-fascisti. L’itinerario, il secondo dei tre finora realizzati a Milano, partirà da Santa Maria delle Grazie alle 15.30, con prenotazione obbligatoria. La partecipazione è gratuita ma è necessaria la prenotazione inviando una mail all’indirizzo info@letracce.org indicando nome, cognome e numero di telefono. Il numero massimo di partecipanti è di 30 persone per ciascun tour La partenza è prevista per le ore 15.30 del giorno 27 gennaio 2024. La durata prevista del percorso è di circa un’ora e mezza. La camminata avrà inizio da Santa Maria delle Grazie, si consiglia di presentarsi almeno un quarto d’ora prima e di indossare scarpe comode; l’arrivo è fissato al carcere di San Vittore. Itinerario: 1. Santa Maria delle Grazie – 2. Alberto Segre, Giuseppe Segre, Olga Lövvy Segre Corso Magenta 55 – 3. Ernesto Reinach, Etta De Benedetti Reinach, Ugo De Benedetti, Pietro De Benedetti Via Aristide de Togni 10 – 4. Edoardo Orefice Via Aristide de Togni 29 – 5. Chiesa San Vittore – 6. Ottaviano Pieraccini Via degli Olivetani 4 – 7. Andrea Schivo, Sebastiano Pieri Piazza Gaetano Filangieri 2 (Carcere San Vittore). Con un attraversamento urbano si vogliono tradurre delle memorie su una mappa, riconnettendo insieme punti e linee, nomi e momenti che il tempo ha reso sfocati. Così prenderà forma una vicenda fatta di storie – private, collettive, pubbliche, segrete – storie di vittime e carnefici, che talvolta si confondono, sommerse insieme nell’intrico di anonime segnaletiche. La storia corale evocata dalla guida Rosario Tedesco (che, come Virgilio con Dante nel celebre canto dedicato ai consiglieri fraudolenti, impone un silenzio riflessivo ai suoi compagni di viaggio) racconta di un legame diventato indissolubile: il carnefice non può più sfuggire alla sua vittima. Ciò che viene fuori da questa esperienza attiva e partecipata, non è la storia di vinti e vincitori della seconda guerra mondiale, ma quella di uomini […]

Perché l’Europa vuole bloccare le attività agricole dei piccoli produttori locali

Nelle ultime settimane abbiamo assistito ad un progressivo espandersi delle proteste degli agricoltori in vari paesi d’Europa: dalla Germania alla Francia, dalla Polonia alla Romania, mentre in Italia si preferisce non manifestare alcun dissenso contro le politiche agricole europee; ma cosa sta realmente accadendo? Per quali ragioni gli agricoltori hanno bloccato le strade intorno a Tolosa?  A Berlino, nel cuore della capitale tedesca? O altrove?Questa situazione in parte è causata dai vincoli imposti dalla transizione ecologica alla produzione agricola che finisce per mettersi in concorrenza con stati non soggetti alle stringenti normative europee. Riduzione dei pesticidi, eliminazione del vantaggio fiscale sul diesel non stradale, trattative difficili con i produttori. Le richieste dei contadini sono diverse, ma condividono lo stesso malessere. Quello di non poter più vivere del proprio lavoro, per questo si oppongono ai piani di austerità dei vari governi che hanno previsto forti tagli ai sussidi che erano stati concessi a questo settore primario dell’economia che contribuisce materialmente al sostentamento delle popolazioni.  E’ assurdo doverlo ricordare, ma: “Se muore il contadino muore il paese”. Chi nutrirà la Germania, la Francia o l’Italia quando chi lavora la terra e alleva gli animali da latte e da macello non troverà più conveniente occuparsi di queste attività, o sarà troppo stanco e demotivato per farlo? Gli agricoltori francesi sono stati scossi dagli eventi meteorologici estremi, dall’aumento dei costi di produzione e dalle conseguenze commerciali della guerra in Ucraina. Migliaia di agricoltori rumeni hanno ripreso la mobilitazione contro il costo del carburante, il prezzo delle assicurazioni e le norme ambientali, riferisce la Reuters. All’inizio di gennaio gli agricoltori polacchi hanno bloccato l’importazione di cereali al confine con l’Ucraina. Le motivazioni precise variano a seconda dei paesi, alcuni vedono in questa serie di manifestazioni l’espressione di una “esasperazione” globale degli agricoltori europei. Secondo le parole di Christiane Lambert, oggi presidente del Comitato delle organizzazioni professionali, all’AFP dell’Unione Europea: “C’è un surriscaldamento normativo, la Commissione europea vuole approvare i testi in vigore prima delle prossime elezioni europee”, denuncia l’ex capo della FNSEA, il principale sindacato agricolo francese. “Non tutti gli agricoltori europei hanno gli stessi problemi, ma hanno in comune […]

Due incontri con il Maestro Orologiaio Davide Munaretto al Radiant di Novegro

Durante la fiera dedicata al mondo della tecnologia di ogni epoca: “Radiant”, alle porte di Milano, nelle mattinate di sabato 20 e domenica 21, alle ore 11, presso il Padiglione C del Palazzo Esposizioni di Novegro si terranno un paio di conferenze sull’orologeria. Parlerà l’autore del libro: Manuale di Orologeria, il maestro orologiaio Davide Munaretto, già ospite di diverse trasmissioni radiofoniche trasmesse dalla nostra emittente Radio Atlanta Milano. Il pubblico avrà l’occasione di interagire con Davide Munaretto, porre domande, proporre argomenti da sviluppare e acquistare in anteprima nazionale il libro: Manuale dell’Orologiaio. Davide Munaretto è nato a Milano il 30 gennaio del 1968; è un orologiaio molto conosciuto che in pochi anni si è affermato in un settore molto tradizionalista e chiuso in se stesso; è già stato ospite di Radio Atlanta Milano in una serie di trasmissioni ideate e condotte da Tony Graffio che adesso ha voluto far conoscere meglio al pubblico la vita, gli inizi della carriera e il pensiero di un artigiano riparatore che ha innovato il modo di intervenire su orologi meccanici molto pregiati di tutti i tipi e di restaurare pezzi importanti di cui diventa sempre più difficile riuscire a recuperare i ricambi. Determinazione, passione, studio, perseveranza, esperienza, capacità, manualità, abilità, analisi, riflessione, conoscenza delle proprie risorse, pazienza, attenzione, calma, fantasia: molte sono le qualità che individuano una personalità adatta ad affrontare un lavoro difficile in cui la precisione e l’affidabilità sono condizioni indispensabili per poter soddisfare una clientela sempre più esigente e attenta nella cura e nella conservazione di quei meccanismi storici che ormai non servono solo a segnare il tempo, ma anche a esprimere il gusto per il bello, in parte anche per il superfluo, e una visione per un mondo in costante mutamento in cui certe soluzioni tecniche trovano un senso quasi esclusivamente per affermare e conservare la propria appartenenza culturale ad un’epoca in cui l’uomo da solo era in grado di produrre ogni cosa, grazie alla propria ingegnosità e ad una ferrea volontà che lo poneva ancora al centro di un Universo di cui ora è spesso soltanto un lontano osservatore. Di seguito il […]

Maustatytöt, le Ragazze Speziate Finlandesi non sorridono mai, ma se capissimo la loro lingua ci farebbero morire dal ridere

La musica è stata un hobby importante per le sorelle Anna e Kaisa Karjalainen, cresciute nell’Ostrobotnia settentrionale, capaci di evocare sonorità molto particolari e ricercate in una lingua uralica agglutinante, apparentemente poco  adatta a trasmettere parole dolci; più indicata a suscitare sentimenti melanconici e un po’ dark, come testimoniano le liriche di Kaisa. Da quando anche il secondo album è diventato il disco più venduto in Finlandia, il loro sogno infantile si è realizzato andando perfino oltre ogni aspettativa e oggi Le ragazze speziate finlandesi sono diventate un gruppo post-rock conosciuto un po’ ovunque, grazie soprattutto a: Foglie al Vento, il film diretto da Aki Kaurismaki che nel 2023 le ha scritturate per interpretare una loro canzone di grande successo, Syntynyt suruun ja puettu pettymyksin che possiamo tradurre in lingua italiana con il titolo: “Nata nel dolore e vestita di delusione”. Questo è grosso modo il testo della canzone utilizzata da Kaurismaki: Caffè ammuffito nella padella E un piatto sul pavimento La pioggia lava le finestre Non è necessario lavarle Non c’è più niente che ti impedisca di andare Ma sono come gettata nel cemento fino alle ginocchia Un peso invisibile da mille chilogrammi sulla schiena Non so se riuscirò ad arrivare alla tomba Sono prigioniera qui per sempre Anche il cimitero è circondato da recinzioni Quando il lavaggio del terreno sarebbe finalmente finito Ma scavano solo più in profondità nel terreno Mi piaci ma non mi sopporto Non ho bisogno degli altri, non so voi Lo ammetterò se me ne vado Lo faccio solo per me stessa Scarpe estive e una felpa grande col cappuccio Al negozio locale a Pakse Ne prenderò solo alcuni altri Se ne avrò bisogno di più, lo farò di nuovo Altrimenti, però, per lo più mi sdraio Almeno non esco di casa senza motivo Dimenticami, voglio stare sola Sono nata nel dolore e sono vestita di delusione… Le Maustatytöt sono nate dopo che i precedenti gruppi delle sorelle si erano sciolti. Anna e Kaisa erano appassionate di musica in finlandese e hanno deciso di fondare insieme una nuova band. Anna suona la chitarra e Kaisa le tastiere. Il […]

La variante JN1 di Covid 19 potrebbe causare insufficienza cardiaca

Gli esperti che studiano le mutazioni del Coronavirus responsabile della pandemia del 2020 hanno lanciato un severo avvertimento su un nuovo e preoccupante “rischio sanitario globale” legato al Covid-19, affermando che potrebbe innescare una “pandemia di insufficienza cardiaca”. L’aumento dei casi di COVID-19, soprattutto a causa del nuovo ceppo noto come JN.1, potrebbe portare a potenziali problemi cardiaci, ha rivelato una nuova ricerca condotta da scienziati giapponesi. A seguito di un picco di casi di Covid 19 in diversi paesi, tra cui Stati Uniti, Regno Unito, Cina, India e poi anche in Europa, in gran parte dovuto all’afflusso di un nuovo ceppo JN.1, gli esperti sanitari hanno avvertito che ciò aumenterà le possibilità di potenziali malattie cardiache e problemi per coloro che contraggono la malattia. Gli scienziati del principale istituto di ricerca giapponese Riken hanno lanciato l’allarme in un nuovo rapporto. Dicono che i recettori ACE2, a cui il Coronavirus si aggrappa all’interno delle cellule umane, sono “molto comuni” nel cuore. Ciò significa che molte persone che contraggono il virus in questa forma potrebbero soffrire di “ridotta funzionalità cardiaca”. La ragione di ciò non è ancora chiara. Tuttavia, il rapporto suggerisce che la pandemia di Covid 19 potrebbe aver cambiato le cose in modo significativo. Si prevede che il numero di persone a rischio di futura insufficienza cardiaca a causa di “un’infezione persistente da SARS-CoV-2 (COVID-19) aumenterà esponenzialmente”. Il rapporto afferma: “Anche se finora non sono state riportate prove cliniche conclusive che l’infezione persistente da SARS-CoV-2 sia associata a un declino della funzione cardiaca, lo studio proof-of-concept della possibilità di infezione persistente da SARS-CoV-2 del cuore e il potenziale rischio di progressione opportunistica dell’insufficienza cardiaca dovrebbero essere convalidati da un modello tridimensionale di tessuto cardiaco umano che fungerebbe da campanello d’allarme per un rischio sanitario globale”. Anche in Europa è stato riscontrato un forte aumento dei casi Covid 19, la nuova variante si è manifestata recentemente in Italia ed è già diventata dominante. Lussemburgo, Francia, Regno Unito sono le prime nazioni in cui si è manifestata JN.1 in Europa. Con questo nuovo ceppo virale si sono presentati 2 nuovi sintomi che segnalano l’infezione in […]

Lo stato della Florida sospende l’utilizzo dei vaccini mRNA contro il Covid-19 perché integrazioni al DNA umano comportano gravi rischi per la salute

Il 6 dicembre 2023, il chirurgo generale dello stato della Florida, Dr. Joseph A. Ladapo, ha inviato una lettera al commissario della Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti, Dr. Robert M. Califf, e al Centro per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC). Il chirurgo generale ha sottolineato le preoccupazioni relative ai contaminanti degli acidi nucleici nei vaccini mRNA approvati di Pfizer e Moderna contro il COVID-19, in particolare in presenza di complessi di nanoparticelle lipidiche e del DNA promotore/potenziatore del virus Simian 40 (SV40). Le nanoparticelle lipidiche sono un veicolo efficiente per il rilascio dell’mRNA nei vaccini COVID-19 nelle cellule umane e possono quindi essere un veicolo altrettanto efficiente per il rilascio del DNA contaminante nelle cellule umane. La presenza del DNA promotore/potenziatore dell’SV40 può anche comportare un rischio unico e maggiore di integrazione del DNA nelle cellule umane. Già nel 2007, la FDA aveva pubblicato una guida sui limiti normativi per i vaccini a DNA nell’icona disclaimer di uscita Guidance for Industry: Considerations for Plasmid DNA Vaccines for Infectious Disease Indications (Guidance for Industry). In questa Guida per l’industria, la FDA delineava importanti considerazioni per i vaccini che utilizzano nuovi metodi di somministrazione per quanto riguarda l’integrazione del DNA, in particolare: – L’integrazione del DNA potrebbe teoricamente avere un impatto sugli oncogeni umani, i geni che possono trasformare una cellula sana in una cellula cancerosa. – L’integrazione del DNA può provocare instabilità cromosomica. – La Guida per l’industria discute della biodistribuzione dei vaccini a DNA e di come tale integrazione potrebbe influenzare parti non previste del corpo tra cui sangue, cuore, cervello, fegato, reni, midollo osseo, ovaie/testicoli, polmone, linfonodi drenanti, milza, sito di somministrazione e sottocute nel sito di iniezione. Il 14 dicembre 2023, la FDA ha fornito una risposta scritta non fornendo alcuna prova che siano state condotte valutazioni di integrazione del DNA per affrontare i rischi delineati dalla clausola di esclusione della responsabilità di uscita dalla stessa iconFDA nel 2007. Sulla base del riconoscimento da parte della FDA dei rischi unici posti dall’integrazione del DNA, l’efficacia del sistema di rilascio di nanoparticelle lipidiche del […]

Rischio Turbo-Cancro per un terzo dei vaccinati coi metodi di stabilizzazione mRNA

Gli oncologi segnalano un allarmante aumento dei tassi di cancro nelle persone che hanno ricevuto uno o più vaccini anti-Covid-19. L’oncologo e ricercatore canadese sul cancro, il dottor William Makis, ha descritto il termine turbo-cancro, cerchiamo di capire di cosa si tratta. I tumori turbo sono tumori in rapida crescita nelle persone che hanno ricevuto il vaccino covid-19. Questi tumori si manifestano soprattutto nei giovani di età inferiore ai 30 anni, nelle donne incinte e nei bambini piccoli. I tumori crescono così velocemente che di solito sono allo stadio 3 o 4 prima di essere diagnosticati, anche se i sintomi compaiono solo giorni o settimane prima della diagnosi. La teoria alla base dei meccanismi con cui i vaccini Covid portano al cancro nelle persone predisposte ha a che fare con la modifica dell’mRNA. Una sostanza chimica chiamata pseudouridina viene utilizzata per stabilizzare l’mRNA. Questo processo crea una proteina che comunemente si ripiega male. Il misfolding è un evento che può causare mutazioni cellulari ed è stato collegato al morbo di Alzheimer, al morbo di Parkinson e all’insufficienza cardiaca. William Makis è un oncologo canadese che ci ha rivelato che gli oncologi clinici stanno riscontrando più tumori tra i giovani in determinate professioni con vaccini obbligatori. Tumori al seno, al colon, al cervello, ai polmoni, linfomi e leucemie. Anche tumori rari come il linfoma angioimmunoblastico o il carcinoma basilide infiltrante. Tra coloro in cui sono stati riscontrate queste casistiche ci sono molti medici, infermieri, insegnanti, poliziotti, militari, studenti… C’è stato un significativo aumento di giovani malati di cancro mai riscontrato prima. Si parla di altri effetti collaterali come morte improvvisa o attacchi di cuore o persone troppo malate per lavorare. Ii turbo-tumori si sono verificati anche nelle donne incinte e nei bambini di età inferiore ai 12 anni. Makis pensa che i turbo-tumori, avranno un effetto a lungo termine come conseguenza della massiccia campagna vaccinale contro il COVID -19 e che questi csi sono in continuo aumento. Molti tumori sono resistenti ai trattamenti e sarebbero utili ulteriori ricerche sui loro meccanismi di sviluppo. In tutto il mondo viene menzionato un aumento […]

Identità digitale, libero accesso alla telefonia mobile e controllo assoluto del cittadino

La Redazione di Radio Atlanta Milano ha ritenuto necessario portare all’attenzione dei suoi ascoltatori e dei suoi lettori una notizia che riguarda  un paese africano, ma che potrebbe ben presto diventare un modus operandi generalizzato anche nei paesi dove vige una diversa idea della democrazia. A questo proposito, per capire meglio ciò che si sta verificando in Nigeria siamo andati a leggere le pagine di The Punch, il quotidiano più letto in quel paese, per soffermarci su argomenti che da noi spesso vengono ignorati o trattati con una inquietante superficialità. La Commissione Nigeriana per le Comunicazioni  (NCC) ha ordinato a MTN Nigeria, Airtel e altre società di telecomunicazioni di bloccare completamente le linee telefoniche senza numeri di identità nazionale e quelle i cui NIN non siano stati verificati. Ciò è stato reso noto in un avviso aziendale che MTN Nigeria ha depositato presso la Nigerian Exchange Limited rivelando la direttiva di NCC e le scadenze allegate per il blocco. Nella dichiarazione firmata dal segretario della compagnia, Uto Ukpanah, MTN Nigeria ha affermato: “Ciò fa parte di una direttiva a livello di settore che richiede che le linee telefoniche per le quali gli abbonati non hanno presentato i propri NIN siano bloccate entro il 28 febbraio 2024. Per quanto riguarda i NIN presentati ma non verificati, tali linee devono essere bloccate entro il 29 marzo 2024, qualora cinque o più linee siano collegate a un NIN non verificato. Questo vale per i NIN collegati a cinque o più carte SIM, ma nei casi in cui le carte SIM siano collegate a NIN inviati ma non verificati, le linee verranno ugualmente bloccate entro il 15 aprile. Pur incoraggiando i suoi abbonati a presentare i propri NIN per la verifica, gli operatori di reti mobili hanno affermato di aver anche rafforzato i propri team e le proprie infrastrutture al fine di rendere il processo conveniente per loro mentre lavorano per soddisfare i requisiti di conformità stabiliti dal governo. Circa 12 milioni di abbonati di telefonia mobile potrebbero essere interessati dalla decisione, sottolinea Business Day (un altro quotidiano di Lagos) alludendo ai dati di settembre dell’NCC. […]