Blah Blah Blah Ondarock On Air

Blah Blah Blah Ondarock On Air – Mars Svolta, deviazioni di stile

Le vie del culto sono infinite, così come i livelli di ira (o di approvazione) raggiunti dalle fazioni del tifo, quello più acceso, quello che ci crede e che porta le bandiere in curva. Spesso gli aficionados devono fare buon viso a cattivo gioco, inghiottire per non urlare e urtare, e magari, successivamente convenire che sì, il cambiamento era giusto farlo. ma quando arriva un’altra mutazione? Prima furono hardcore, poi prog meticcio, poi… non si sa. La svolta dei marziani messicani, che si abbevera a fonti note e meno chiare, che ha dato l’impulso a episodi ancora più stravaganti. Matteo, Davide e pure Marco non sono fan, o forse sì, o magari potrebbero diventarlo. Trasformazioni in atto.

Blah Blah Blah Ondarock On Air – Anni Settanta, il decennio rock (?))

Insomma, a cinquant’anni dallo start, a oltre quaranta dalla loro conclusione, possiamo sapere cosa siano stati questi anni 70 musicali? Rock? E certo, il decennio rock per antonomasia, cos’altro sennò?! Invece no, c’è stato, ci fu, c’è ancora dell’altro, soprattutto per chi ama le categorie e le delimitazioni temporali. Per tutti un disordinatissimo mix di tendenze, spesso adiacenti, altre volte molto meno. Matteo e Davide, e i loro ospiti, Bercella, Delli Paoli e Romagnoli, cercheranno di districarsi tra i mille rivoli e forse ce la faranno.

Blah Blah Blah Ondarock On Air – Alive & Queening: storie di musica e monarchia

L’erba voglio esiste solo nel giardino del re. Quindi, silenzio parla la Monarchia, sebbene negli antichi proverbi si celi il desiderio di andare oltre il proprio destino e magari di indossare la corona. Matteo e Davide, re per un giorno, approfittano della recente confusione sviluppatasi in quel di Buckingham Palace, e si ritrovano a calpestare, sebbene con un occhio di riguardo, quei prati verdi, con la bella pensata di organizzare un party con canzoni a tema. E pare, si vocifera, che Willie e Kate abbiano fatto discreti gesti di assenso.

Blah Blah Blah Ondarock On Air – Il ritorno dei Muse e la riscossa del rock tamarro

L’enfasi che sfocia nell’epicità, nel melodramma, nel coro liberatorio, che poi si mangia tutto il resto e diventa un tutt’uno. Sensazioni, stati d’animo che vanno e vengono, ma che in campo pop-rock sono guardate con sospetto, spesso anche negate e ostracizzate. Di contro, in uno scenario sempre più lontano dal classico songwriting “tamarro” assume le forme di un vanto. Matteo e Davide, con il deus ex machina Marco, sceso non si sa da dove a dirimere l’intreccio. Accorrete a petto in fuori e con grande intensità.

Blah Blah Blah Ondarock On Air – Teen idols ieri e oggi, tutta una questione di… Styles

Tra spallucce che palesano disinteresse quando non fastidio, scuotimenti di capo, che nel pianeta emoticon equivalgono a bocche spalancate per la sorpresa, arriva un tema controverso e non amatissimo dagli appassionati. Che però si sono dimenticati, oppure fanno finta, dei loro trascorsi adolescenziali, quando un poster in cameretta aveva fatto partire dapprima l’idolatria per un singolo personaggio e poi la passione per la musica tutta. Stefania e Davide, che non hanno iniziato a impazzire per il pop rock con i Pink Floyd, si ritrovano parecchio simpatizzanti delle sorti di Harry Styles e si buttano a capofitto nella storia dei teen idol. Riesumate i fazzoletti.

Blah Blah Blah Ondarock On Air – Rock in italiano, una storia

Una vicenda controversa, contrastata, culturalmente equivoca, un contenitore di accuse e celebrazioni, dicotomie tra buoni e cattivi, una torre di babele fatta di spintoni e pacche sulle spalle. Si può cantare il rock in italiano? È giusto parlare con cognizione di rock italiano? Matteo e Davide, con in mano l’ultima chart in ordine di tempo, costruita dalle menti fervide di Ondarock, prendono la palla al balzo e, con l’aiuto di due compagni di ventura, provano a raccontare una storia fatta di costanza e bagliori improvvisi.

Blah Blah Blah Ondarock On Air – The Cinema Show – La musica che definisce un film

Una storia lunga, lunghissima, eterna quella tra immagini e suono, sin dai tempi in cui i protagonisti non potevano emettere neanche un sospiro che fosse uno udibile. Quando si cominciò parlare anche al cinema la musica era ormai diventata compagna assidua e inscindibile. E lo è ancora di più quando il grande schermo sposa biopic musicali o chiassose reinterpretazioni di esperienze teatrali. Matteo e Davide (e amici vari e preziosi), benedetti dalla premiata ditta Elvis The Pelvis/Baz, mettono in sequenza un piccolo manuale di sonorità capaci di infilzare un film fino a divenirne protagonisti. Ciak, si suona!

Blah Blah Blah Ondarock On Air – Vintage cool: opere attuali che profumano di antico

Gallina vecchia fa buon brodo? Il ristoro delle vecchie care abitudini? O semplicemente sono finite le idee? Il confine labile, e anche un po’ equivoco, tra il rifugiarsi su schemi ampiamente accettati e il cavalcare con inventiva il vintage. Fatto sta che da oltre trent’anni, non manca mai quello che tiri fuori le foto ingiallite. Marco e Davide, da sempre legati ai grandi ricordi di un tempo, non necessariamente più bello, passano in rassegna una serie di esempi, anche di stretta attualità, che confermano la regola. Sì ma… quale?

Blah Blah Blah Ondarock On Air – London Calling, l’erba del vicino è sempre più verde

Luci accese sul Centre Court, ma non che fosse necessario per illuminare ancora una volta i vicoli di Londra, il cui potere immaginifico risplende al di là del trascorrere delle stagioni e delle innumerevoli chiacchiere che alimentano una leggenda. Marco e Davide, meticolosi ricamatori della palla corta, si aprono il campo solo con prime palle sorprendenti. Occhio ai corridoi inattesi.

Blah Blah Blah Ondarock On Air – Se mi lasci ti cancello: la lunga scia dei tradimenti

Tradire le attese, le speranze, le certezze. Parabole artistiche che osano l’impossibile, ossia non accontentare il tifoso, solitamente non particolarmente simpatizzante delle sorprese. In molti però hanno fatto spallucce, sia in campo sia sugli spalti. Storie differenti hanno visto invece porte sbattute e non pochi improperi. Marco e Davide, che amano da sempre le sorprese, ma che poi si arrabbiano anche loro quando spunta dal buio una burla mascherata da spavento, ritornano su alcuni luoghi del delitto, alla luce anche di recenti voltafaccia. Sempre con la benedizione in mano…