Blah Blah Blah Ondarock On Air

Blah Blah Blah Ondarock On Air – Elogio del ritmo: il groove infinito di Jeff Porcaro

Dopo tutto è sempre una questione di tempo, piano e forte, lento o accelerato, oppure sempre costante, come un battito cardiaco. Forse è quello il segreto per far sembrare una canzone subito familiare, come se fosse stata sempre lì, con una marcia in più, con le spalle coperte, protette, pronta a liberare tutto il proprio potere. Come disse un celebre batterista, stare dietro le pelli è come essere il portiere di una squadra di calcio, un ruolo delicato, determinante. Marco e Davide, insospettabili groovers in the earth, raccontano l’epopea del batterista più suonato di sempre, la storia dei turnisti che fecero il West Coast Sound e poi invasero il mondo. Quella volta che il professionismo fece rima con cuore. Cominciate a contare.

Blah Blah Blah Ondarock On Air – Mystic River: il lungo fiume della letteratura rock

Viene prima l’uovo o la gallina? Che faccio, scrivo prima i testi o aspetto il tuo spartito? Dubbi amletici e luoghi comuni che si accavallano. Ma la domanda ricorre spesso nei circoli, invero sempre più dismessi: la musica può diventare letteratura? O magari la letteratura influisce nel processo creativo della canzone? Marco e Davide, leggendari illetterati, dilettanti della prosa come della poesia, ma sempre curiosi e ansiosi di redenzione, chiamano a raccolta Alessandra, che non è Cassandra, e con Lei provano nuove forme di inchiostro, con la speranza che non sia simpatico.

Blah Blah Blah Ondarock On Air – Welcome Back To The Show (That Never Ends)

Non vedete l’ora eh?! Ve lo si legge negli occhi. Oppure vi siete abituati e adagiati sul divano a rimirare i ricordi di antichi tafferugli sudati e gaudenti? In attesa di un personale check, i concerti stanno tornando e con loro la stagione calda. Quale migliore occasione per rispolverare le vostre memorie sotto palco? Marco e Davide, inesauribili in fatto di iniziative, sono da poco diventati anche bigliettai. Mettetevi in fila e non spingete, c’è posto per tutti.

Blah Blah Blah Ondarock On Air – Prince: il declino e il nu soul

C’era una volta un piccolo principe il quale era talmente “grande” che nessuno si accorgeva che calzasse tacchi a spillo. Ma un giorno si ruppero e nulla fu più come prima… Marco e Davide, novelli Hansel and Gretel, ripercorrono i tragitti, debitamente segnalati con mollica di Minneapolis, di un declino sempre poco considerato. In attesa di un lieto fine.

Blah Blah Blah Ondarock On Air – Come si cambia… Svolte inattese (?)

Specchio, specchio delle mie brame… Dipingi nuovi tragitti oppure fotocopia momenti gloriosi, o… dimmi qualcosa!? Cambiare per non morire, impazzire, per non annoiarsi, per esigenze fisiologiche. In quanti ci hanno provato? Chi ci è riuscito? Marco e Davide, tradizionalisti della trasformazione sempre e comunque, vi invitano a una parata di tentativi di trasformazioni. Tutte andate a buon fine?

Blah Blah Blah Ondarock On Air – Le prospettive di Franco Battiato

Una persona, un artista, un esempio, un dilemma. Chi ci ha lasciato? Alcune delle mille sfaccettature, anche dette prospettive del musicista siciliano in una parata che rifiuta ogni comodità, e le voci di amici, colleghi e testimoni. E Marco e Davide, ovviamente, nel ruolo sempre agognato e finalmente conquistato di Gesuiti Euclidei.

Blah Blah Blah Ondarock On Air – Dai Big Star ai Weezer: la linea sempreverde del Power Pop

Un crocevia, un contenitore, un approccio, forse una filosofia, anche di vita. Un nome, buono per tutte le stagioni, che non finiscono mai: power pop. Chi c’era, chi c’è, chi ci sarà. Marco e Davide, da sempre indecisi sul chi va là, si danno manforte con la storia del ritornello appiccicoso. Non lavatevi le mani.

Blah Blah Blah Ondarock On Air – 40 anni di futuro – Il mondo computerizzato dei Kraftwerk

Lo diceva il saggio: papà, se mi regalerai un computer, io poi provvederò a cambiare il mondo! E così, si è passati, nel breve volgere di mezzo secolo, da sogni di autostrade ironicamente volanti, rotaie spaziali che univano culture differenti, uomini macchina anche detti robot, a tragitti esistenziali gestiti da intelligenze artificiali. Ma dietro c’è tutta una teoria di intelligenze sopraffine, come quelle di quattro manichini robotizzati in elettrica salsa germanica: i Kraftwerk che, giusto 40 anni fa, realizzavano la loro summa artistica e cambiavano per sempre le vicende musicali. Marco e Davide, storici quattr’occhi da sempre affezionati a matrici, numeri e joystick, cliccano il pulsante della macchina del tempo e finiscono… nel futuro! Non mancate a questo ennesimo gioco di prestigio, qui si racconta, e si fa, la storia.

Blah Blah Blah Ondarock On Air – Dinosauri o teenager? Indie-rock is back (?)

E basta con questi synth!!! Ne abbiamo le tasche piene dell’elettronica, delle canzonette stralunate e biodegradabili!!! Largo alle chitarre, vivaddio! Siamo o no, e finalmente, negli anni 90?! Marco e Davide, confusi ma felici, da riservati ammiratori dell’indie rock riportano le lancette indietro al 2021, l’anno della riscoperta della canzone chitarristica, quando una scena ritornò clamorosamente in auge.

Blah Blah Blah Ondarock On Air – 50 anni di Sticky Fingers e di rock maledetto

Il rock come il rapporto di un coroner, come la cronaca di vite vissute sul ciglio della strada, solitamente sporca e pure malfamata. Cinquanta anni fa, proprio oggi, gli Stones chiudevano il cerchio e davano alle stampe l’album definitivo dello street rock, vissuto eppure elitario, sudicio eppure profumato. E, soprattutto, esempio, per innumerevoli altri eroi bukowskiani armati di sei corde. Marco e Davide, che quando c’è una ricorrenza da celebrare si imbucano sempre, anche senza invito ma con grande charme, rivivono i loro trascorsi on the edge e chiamano a raccolta ulteriori prestigiatori del sordido. Non bussate, entrate e basta.